Incendi tipi e classi

Gli incendi vengono divisi per categorie secondo una classificazione utilissima a determinare subito i metodi di estinzione più efficaci. Ogni classe è identificata da una lettera maiuscola da A ad  F ma senza la E soppressa dal 2005 nella normativa Europea. La classe E è stata soppressa perché indicava la possibilità di utilizzo con apparecchi, cavi e quadri elettrici. Attualmente ogni sistema antincendio deve riportare un’indicazione specifica:

  1. non utilizzare su apparecchiature elettriche sotto tensione
  2. adatto all’uso su apparecchiature elettriche sotto tensione sino a 1000 Volt

I sistemi che riportano la dicitura (1) non sono utilizzabili in presenza di energia elettrica mentre quelli del tipo (2) si sino a 1.000 Volt. La tensione normale erogata dalle società elettriche è di 240 Volt per la corrente alternata monofase e 400 Volt per quella alternata trifase. Questo significa che i sistemi tipo (2) possono essere utilizzati in ambito domestico e negli uffici ma non per le cabine elettriche e gli impianti ad alta tensione. L’acqua conduce l’elettricità e quindi i sistemi che la impiegano non vanno utilizzati (estintori ad acqua, a schiuma, naspi, idranti, ecc.). Sono utilizzabili invece quelli a CO2 perché l’anidride carbonica non è conduttrice come la fibra di vetro delle coperte ignifughe che si rilevano più efficaci perché lo shock termico prodotto dal getto di anidride carbonica erogato a -80° gradi sotto lo zero distrugge irreparabilmente i circuiti elettronici.

Le classi degli incendi:

classe A solidi:

fuochi originati dalla combustione di sostanze solide, frequentemente organiche (legno, carta, carbone, fibre, ecc.) che formano braci ardenti

  • utilizzare coperte ignifughe e estintori a schiuma
  • meno efficaci estintori a polvere
  • inefficaci estintori alogenati e a CO2

classe B liquidi:

fuochi originati dalla combustione di liquidi o di sostanze solide in grado di liquefarsi in grado di propagarsi più facilmente

  • utilizzare coperte ignifughe e estintori a schiuma
  • meno efficaci estintori a polvere, ad alogenati e a CO2
  • non utilizzare gli estintori ad acqua

classe C gas:

fuochi originati dalla combustione di sostanze gassose quindi in grado di propagarsi in aria

  • utilizzare coperte ignifughe e estintori a schiuma di tipo specifico
  • meno efficaci estintori a polvere, ad alogenati e a CO2
  • non utilizzare gli estintori ad acqua

classe D metalli infiammabili:

fuochi originati dalla combustione di particolari metalli come fosforo, sodio, litio, potassio, magnesio, alluminio (in polvere o trucioli). Sono rari ma estremamente pericolosi in quanto raggiungono temperature di combustione così elevata da rendere pericolosissimo l’uso di acqua. L’acqua viene infatti istantaneamente trasformata in ossigeno e idrogeno gassosi che alimentano le fiamme invece di spegnerle in quanto l’ossigeno le alimenta come comburente e l’idrogeno come combustibile.

  • utilizzare coperte ignifughe
  • meno efficaci estintori a polvere utilizzabili solo se dotati di polveri specifiche al boro e cloro
  • non utilizzare gli altri tipi di estintori

classe F grassi e residui di cotture:

fuochi originati dalla combustione di sostanze grasse solide o liquide e dai residui delle cotture negli ambienti cucina sia domestici che professionali e industriali. Classe introdotta dalla normativa Europea dal 2005. Si tratta di fuochi che generalmente hanno origine nelle pentole e nelle padelle durante la cottura per autoaccensione delle sostanze grasse (olio, strutto, burro, ecc.). Possono essere prevenuti e estinti utilizzando normali coperchi da tenere sempre a portata di mano.

  • utilizzare coperte ignifughe
  • inefficaci gli estintori (ad eccezione di quelli a schiuma a base di solfato di potassio da utilizzare solo con contenitori grandi in modo da dirigere il getto schiumoso sulla parete del contenitore e non direttamente sulla sostanza incendiata). Gli estintori sono pericolosi perché il getto può provocare espulsione di sostanze ardenti intorno con propagazione delle fiamme

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.